I migliori film del 2020 (by Mattia)

Come di consueto, vorrei anteporre alla top 10 dell’anno appena terminato, il 2020, qualche premessa per poter meglio comprendere le scelte effettuate nel redigerla.

Per poter stilare la “classifica” dei migliori lavori dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020, si è tenuto conto della data di uscita italiana e non della eventuale data di uscita nel paese di origine: ad esempio il titolo “Corpus Christi” di Jan Komasa, uscito nel corso dell’anno nel Paese di origine, ma non ancora distribuito in Italia, esula da un eventuale inserimento nell’elenco.

Non si è tenuto conto dei titoli presentati ai principali festival italiani (Torino, Roma, Venezia – in presenza o in streaming) se ancora non sono stati distribuiti in tutte le sale italiche: ad esempio “Casa de antiguidades” di João Paulo Miranda Maria, presentato a Torino37, non rientra nella classifica perché non ancora uscito nelle sale italiane. La top 10 sconta il limite (umano) della visione nelle sale e in streaming: in altri termini chi ha stilato la classifica ha potuto valutare un certo numero di titoli e non tutto lo scibile cinematografico dell’anno 2020. Confermati anche per il 2020 i film proposti dalle principali piattaforme, da Netflix ad Amazon Prime, sempre più protagoniste, anche ai Festival.

Infine la ormai consolidata sezione con la sorpresa dell’anno, ossia il film di qualità che non ti saresti aspettato di vedere ed il flop dell’anno, ossia il titolo che le premesse davano come un capolavoro annunciato ma che poi nella realtà ha lasciato un filo di amarezza una volta usciti dalla sala.

IMPORTANTE: i titoli sono 10 ma non sono da leggersi in ordine qualitativo quanto invece in ordine cronologico. Lo scrivente non ha mai amato dilettarsi in discorsi sofistici su quanto un film fosse migliore dell’altro o di quanto il secondo fosse meglio del quarto per questo o quel motivo. La top 10 è dunque da leggersi come un unicum di lavori (i migliori) usciti nel 2020. Ahimè la pandemia ha fortemente ridotto il numero di uscite in sala (i cinema sono rimasti aperti soltanto 7 mesi su 12) e sensibilmente ridimensionato (a volte cancellato) Mostre e Festival (Cannes e Locarno non hanno avuto luogo, Venezia si è tenuto ma con numerose prestigiose assenze).

Partiamo:

  1. JoJo Rabbit di Taika Waititi;
  2. Richard Jewell di Clint Eastwood;
  3. Sorry we missed you di Ken Loach;
  4. Volevo nascondermi di Giorgio Diritti;
  5. High life di Claire Denis;
  6. Undine – un amore per sempre di Christian Petzold;
  7. Ema di Pablo Larraìn;
  8. Notturno di Gianfranco Rosi;
  9. Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman;
  10. Mank di David Fincher.

Flop: Tenet di Christopher Nolan

Sorpresa: Favolacce dei fratelli D’Innocenzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...